Quale sedia per Smart Working?

Spread the love

Vuoi sapere quale sedia per lo Smart Working è la migliore? Vediamolo insieme.

Con l’arrivo della pandemia, per molti lavorare da casa stando al pc è diventato quasi necessario. Proprio per questo motivo, essendo costretti a stare molte  ore davanti al pc abbiamo bisogno di una postazione che sia il più confortevole possibile e ben organizzata, soprattutto per evitare problemi fisici, il primo fra tutti  una cattiva postura.

Per questo motivo l’uso di sedie studiate appositamente per lo Smart Working  può fare la differenza.

Come scegliere una sedia ergonomica?

Prima di procedere all’acquisto, vediamo insieme come come scegliere una sedia ergonomica per lo Smart Working e cosa è bene tenere in considerazione alcune caratteristiche che si adattano meglio alle proprie necessità:

  • Ergonomia: l’ergonomia, è la caratteristica principale nella scelta di una sedia per lo smart working, specialmente se pensiamo di passare almeno 8 ore davanti al pc. Una sedia ergonomica, è una sedia progettata con linee che sono in grado di dare al corpo il sostegno di cui ha bisogno e aiuta la schiena a mantenere una postura corretta. Spesso, per errore , si confonde l’ergonomia di una sedia, con il fatto che sia comoda e ben imbottita ma non è proprio così. Infatti una sedia più comoda in commercio può dare luogo a lungo termine a delle problematiche, invece una ergonomica anche se magari inizialmente non è comodissima, va a tutelare futuri problemi di salute;
  • Comfort: la comodità o la scomodità di una sedia, dipende da altri tre fattori, la posizione dello schienale, il materiale il cui è rivestita  e la forma della seduta. Il modo ideale per lavorare al pc sarebbe avere una seduta comoda, possibilmente imbottita e lata a sufficienza da poter appoggiare i piedi al pavimento. Ad esempio la maggior parte delle sedie da gaming permette di mantenere una posizione simile;
  • Stile: un’altra caratteristica da tenere in considerazione è lo stile. Quelli più diffusi in questo ambito sono tre:
    • Ufficio: esteticamente, è lo stile più sobrio, vengono realizzate in materiale traspirante con una colorazione neutra. Lo schienale è leggermente reclinabile, seduta regolabile in altezza e base mobile con le rotelle;
    • Gaming  :  sono sedie studiate appositamente per i videogiocatori, però si prestano molto bene anche per lavorare al pc.  Assomigliano un pò ai sedili delle auto, dispongono di cuscini comodi per dare supporto a schiena e collo, seduta regolabile in altezza , dispongono di braccioli e lo schienale può essere regolato;
    • Inginocchiate :si tratta di una particolare tipologia di seduta. Permette al corpo di mantenere una posizione aperta stando praticamente inginocchiati. in questo tipo di sedie, si sta seduti in una posizione con un angolo aperto di circa 110°. Questo tipo di sedute sono realizzate o in tessuto o in legno e alcune di esse hanno anche lo schienale.
  • Materiale: altro aspetto da tenere in considerazione per una sedia da Smart Working, è appunto il materiale.  Esistono tantissime tipologie di sedie e poltrone, alcune rivestite in ecopelle, altre in stoffa e altre ancora in materiale traspirante. 

Quali sono le migliori sedie ergonomiche?

Dopo che alcuni studi hanno effettuato numerosi test sulle sedie da ufficio, affermano che una sedia non deve essere necessariamente  comoda al primo utilizzo.

Una sedia che risulta comoda già al primo utilizzo può non essere adatta nel lungo periodo. Tutte le migliori sedie ergonomiche infatti hanno il poggia ginocchia. 

Tra le  migliori sedie  troviamo i modelli  Variable, Thatsit, komfort. Questi modelli per alcune persone all’inizio sono addirittura scomode.

Analizziamo insieme i vari modelli:

  • Variable: queste sedie sono in legno e hanno un supporto per appoggiare e ginocchia. Sono molto ingombranti e non sono adatte a degli studi di piccole dimensioni. I due archi a dondolo di cui sono dotate, offrono una sospensione che rende la seduta ergonomica ed elastica quando ci si siede. 
  • Komfort: anche se nell’aspetto è solida bruttina e pesante, questo tipo di sedia è una delle migliori, infatti è l’unica ad avere uno sgabello ergonomico pieghevole a scomparsa. Ciò che ha di più bello questo tipo di sedia è che ha la possibilità di regolare la seduta completamente in orizzontale.
  • Thatsit: questo tipo di sedia, è quella che offre alla postura un ‘aiuto più completo, sia per l’allineamento del bacino che per il supporto lombare aiutando così a mantenere la schiena dritta. 

Dopo questi chiarimenti, speriamo di averti tolto qualunque dubbio e che tu possa scegliere la sedia per lo Smart Working più adatta alle tue necessità.

Lascia un commento